ciaspole-funes3-min.jpg

Salita al Col de Poma

La ciaspolata ambiziosa della settimana conduce ad una tozza elevazione affacciata sul Sass de Putia e sulle Odle di Funes. La destinazione è il Col de Poma, un rilievo alto poco più di 2400 metri sul livello del mare.
La ciaspolata prende le mosse da malga Zannes, a circa 1600 metri di quota, a pochi chilometri da Santa Maddalena di Funes.

Non è tanto il dislivello a rendere "ambiziosa" la ciaspolata quanto la seconda parte che, presa sia dai dintorni di malga Kaserill (https://ciaspole.net/itinerari1/altoadige/ciaspole-kaserill.htm) sia da quelli di malga Gampen (https://ciaspole.net/itinerari1/altoadige/ciaspole-funes.htm), richiede una buona preparazione e soprattutto la capacità di valutare il pendio dove si andrà a ciaspolare.

Oltre le due malghe, spesso aperte d'inverno, infatti, sarà probabilmente necessario tracciare e scegliere come avvicinarsi al rifugio Genova (chiuso d'inverno). Oltre quest'ultimo rifugio i giochi saranno ormai fatti: si guadagna agevolmente il passo di Poma e poi altrettanto facilmente l'omonimo monte.
Il panorama ripaga di ogni sforzo e, nel finale, si apre a tutte le Dolomiti che chiudono ad est l'Alta Badia.

Attenzione alla neve: dev'essere assolutamente assestata!

Condividi su  -