ciaspole-zerbion10.jpg
Verso la vetta dello Zerbion (scorri la gallery!)
ciaspole-zerbion12.jpg
La vetta è ormai raggiunta, "spazzata" dalle raffiche di vento (foto di Andrea Toffaletti)
ciaspole-zerbion13.jpg
Giornata particolare: un forte vento da ovest libera progressivamente la vallata principale della Valle d'Aosta dalla foschia (foto di Andrea Toffaletti)
ciaspole-zerbion14.jpg
In vetta allo Zerbion
ciaspole-zerbion15.jpg
Panoramica dalla vetta: inconfondibile il Cervino (foto di Andrea Toffaletti)
Valle d'Aosta

Monte Zerbion

IN BREVE
Partenza: Promiod, 1480 mslm
Arrivo: monte Zerbion, 2720 mslm
Difficoltà e pericoli: richiesta ottima capacità di valutazione locale del pericolo e della neve. Massima attenzione anche alle cornici in prossimità della vetta. Accompagnarsi a persone esperte e competenti. Gli ultimi metri in prossimità della vetta richiedono perizia e attenzione.
Tempo di percorrenza: indicativamente, tre ore per la salita.

Un percorso davvero splendido che permette di raggiungere una postazione panoramica unica dove lo sguardo può spaziare su Gran Paradiso, monte Bianco, Cervino, monte Rosa, la valle di Ayas e la vallata principale della Valle d'Aosta.
Il punto di partenza più comodo è Promiod, un piccolo paesino raggiungibile da Antey-St Andrè a 1500 metri di quota. Seguendo i segnavia gialli si percorre il sentiero 105 che si sovrappone inizialmente ad una strada forestale.
Prima di arrivare alla malga Arpine (1842 mslm) si presenta un bivio: si prosegue verso destra ignorando la deviazione verso sinistra che raggiunge lo Zerbion ma attraverso il col Portola.
Il percorso prosegue sulla stessa traccia anche oltre malga Arpine. Appena superata la successiva malga Franquin Damon si seguono i segni bianchi e rossi ben visibili sui tronchi degli alberi e ci si addentra nel bosco: ora si cammina su un sentiero innevato che rapidamente porta oltre il limite della vegetazione, sui prati d'alta quota ai piedi della cresta del monte Zerbion.
E' il primo momento panoramico: spunta il Cervino, la vista verso sud e verso ovest si apre senza soluzione di continuità.
Continuando a camminare seguendo le visibili tracce (alcune rocce segnate in giallo spesso spazzate dal vento) si percorre la cresta colmando il residuo dislivello: risulta tecnicamente impegnativo l'ultimo tratto, quando la cresta si fa affilata e deve essere affrontata con attenzione e prudenza, valutando la consistenza della neve e considerando anche l'utilizzo di ramponi.
Una grande statua della Madonna segna l'arrivo ai 2720 metri di quota della cima del monte Zerbion dove il panorama si completa aprendosi completamente alla valle d'Ayas ed al massiccio del monte Rosa.
 

SUL WEB
E per quando la neve si scioglie.. su www.cicloweb.net trovi tante opportunità per camminare d'estate e pedalare tra sentieri, strade e piste ciclabili.
Qualche link per iniziare ad esplorare la Valle d'Aosta su www.cicloweb.net
- pedalate in Valle d'Aosta;
- foto informazioni curiosità sulla montagna valdostana;
- passeggiate in montagna

Condividi su  -