ciaspole-valfredda1.jpg
Tra neve e nuvole (scorri la gallery!)
ciaspole-valfredda2.jpg
Un albero solitario tra le dune innevate
ciaspole-valfredda3.jpg
Conca del Frerone
Lombardia

Valfredda

IN BREVE
Partenza: rifugio Tassara in località Bazena, 1799 mslm (tel. 0364/310777)
Arrivo: Valfredda, malga e passo, 2000 mslm e 2300 mslm
Difficoltà e pericoli: salvo situazione eccezionali la salita è priva di insidie. Chi volesse invece raggiungere la cima del monte Frerone deve valutare le condizioni dei pendii sommitali (necessari quasi sempre i ramponi) e dei pendii più ripidi oltre la malga di Valfredda: la vetta è obiettivo per pochi.
Tempi di percorrenza indicativi: 1h15' per malga Valfredda da località Bazena.
La ciaspolata alla malga Valfredda può prestarsi ad essere intrapresa anche con i bambini al seguito che, attorno alla malga, troveranno di che divertirsi!

Quasi venti chilometri di stretta e tortuosa strada provinciale conducono dalla val Camonica al rifugio Tassara in località Bazena, poco a valle del passo Croce Domini, sul versante camuno del valico.
Il parcheggio del rifugio (1799 mslm) segna la fine della strada: d'inverno non si sale oltre. E proprio qui ha inizio la ciaspolata.
Si risale il declivio posto a nord, seguendo la mulattiera estiva: sulla sinistra si lasciano alcuni ricoveri per bestiame ed altre casotte. Si prende quota senza troppa fatica per un buon tratto e ci si addentra nel bosco. Aggirato il versante della montagna ci si trova davanti ad un ripido pendio: a zig-zag lo si risale raggiungendo la scenografica malga di Valfredda, a circa duemila metri di altitudine. Contemplato il panorama si può proseguire verso nord (sinistra) in direzione della conca del Frerone e della cima di questa montagna (il ripido pendio finale può richiedere l'uso di ramponi) oppure passeggiare verso il "passo delle capre", poco più a monte, sulla sinistra orografica della conca, e godere di un nuovo panorama che si apre sulla maestosa mole del Cornone di Blumone, sulla conca del Cadino e sul versante orientale del passo Croce Domini (Gaver). Questo passo segna anche un punto intermedio del tracciato verso il rifugio Tita Secchi ed il lago della Vacca da affrontare, però, solo se in grado di gestire insidiosi traversi.
Il divertente ritorno avviene sulla via di salita.

Clicca per aprire la mappa Kompass (stralcio da K103 - Le Tre valli bresciane), da usare esclusivamente come riferimento. I percorsi invernali differiscono spesso da quelli estivi e vanno adattati alle condizioni oggettive (le mappe Kompass abitualmente indicano in azzurro la traccia invernale).

SUI LIBRI
Questo percorso è uno dei trentatrè itinerari più belli delle Alpi proposti dal libro "Ciaspole! L'inverno in neve fresca", disponibile cliccando sul sito www.vividolomiti.it oppure in libreria. Non solo foto ed itinerari ma anche la possibilità di dialogare con l'autore per dettagli e curiosità sui percorsi proposti.


SUL WEB
E per quando la neve si scioglie.. su www.cicloweb.net trovi tante opportunità per camminare d'estate e pedalare tra sentieri, strade e piste ciclabili.
La val Camonica ed i suoi dintorni si raggiungono cliccando questi link (aprono una nuova finestra del tuo browser):
- pedalate in val Camonica;
- informazioni turistiche sulla val Camonica;
- trekking in val Camonica

Condividi su  -