000b - Ciaspolando in val Viola-min.jpg
Neve fresca in val Viola (scorri la gallery!)
779 - Ciaspolando in val Viola-min.jpg
Uno sguardo a nord, in val Viola
791 - Ciaspolando in val Viola-min.jpg
Ampia traccia battuta lasciando Arnoga
815b - Ciaspolando in val Viola-min.jpg
Ideale per i bambini
824 - Ciaspolando in val Viola-min.jpg
Ciaspolata frequentata in particolare nei weekend
828 - Ciaspolando in val Viola, Maggengo-min.jpg
Sfiorando antiche baite, quasi tutte ristrutturate
833 - Ciaspolando in val Viola, Maggengo-min.jpg
Edilizia tradizionale
853 - Ciaspolando in val Viola-min.jpg
Il lato più "wild" della ciaspolata, una traccia nel bosco innevato
867 - Ciaspolando in val Viola-min.jpg
Solo con le ciaspole: neve fresca!
873b - Ciaspolando in val Viola-min.jpg
Suggestive baite ricoperte di neve
879 - All agriturismo Caricc in val Viola-min.jpg
Fontana di ghiaccio all'agriturismo Caricc
888b - All agriturismo Caricc in val Viola-min.jpg
Un torrente innevato a due passi dall'agriturismo Caricc
930b - All agriturismo Caricc in val Viola-min.jpg
Sole invernale sull'agriturismo Caricc
935b - All agriturismo Caricc in val Viola-min.jpg
In neve fresca all'agriturismo Caricc
946b - All agriturismo Caricc in val Viola-min.jpg
Pista battuta e tracce in neve fresca
955 - Maggengo, in val Viola-min.jpg
Le baite di Maggengo
959 - Verso la val Verva-min.jpg
Verso est si apre la val Verva
974b - San Carlo, Valdidentro-min.jpg
Rientrando a Bormio, vista su San Carlo dalla statale
986b - Pedenosso Valdidentro, ai piedi del Monte delle Scale (2)-min.jpg
Pedenosso ai piedi del Monte delle Scale
Lombardia

Val Viola

IN BREVE
Partenza
: Arnoga, 1883 mslm (parcheggi lungo la strada oppure appena sotto la forestale della ciaspolata, questi ultimi, però, potrebbero essere resi insidiosi dal ghiaccio sulla ripida rampa).
Arrivo: Agriturismo Caricc, 1999 mslm (tel. 340/7103835)
Difficoltà e pericoli: evitare il sentiero alto, se le indicazioni in loco lo sconsigliano. Sicuro il percorso basso.
Tempo di percorrenza: due ore all'andata, 1h30' al ritorno.
Ideale per i bambini anche se un po' lunga: l'ambientazione è pero fiabesca ed attorno alla malga tanta neve fresca in cui giocare. Bisogna considerare che i più piccoli avranno bisogno di qualche "passaggio" nello zaino: non adatta, invece, a bob e slittini per la frequenza di tratti pianeggianti e saliscendi.


Lo scarso dislivello tra le località di arrivo e partenza non deve ingannare! Questa ciaspolata "introduttiva" alla val Viola (ciaspolate più impegnative e selettive, infatti, potrebbero porsi obiettivi più ambiziosi) non è affatto banale: si cammina per quasi due ore in piano ma anche superando brevi ma severi saliscendi. A fine giornata si saranno cumulati più di undici chilometri ed un dislivello totale di 300 metri.
Le indicazioni si susseguono frequenti e chiariscono ogni dubbio: i gestori dell'agriturismo, poi, battono la traccia con il gatto e pertanto è pressoché impossibile perdersi.
Dopo circa 30'-40' di cammino è possibile scegliere tra un percorso "alto" ed uno "basso". Il suggerimento, ovviamente, è quello di farne uno all'andata ed uno al ritorno per godere di panorami quanto più diversi possibile, tuttavia è bene sottolineare che il percorso "alto" è sconsigliato in caso di pericolo valanghe e viene sbarrato da apposite transenne.
Si alternano tratti in un bosco fatato a passaggi in radure innevate e si sfiorano baite dall'antica storia. Qualche pannello informativo regala interessanti informazioni sulla storia della vallata.
Si può percorrere la val Viola anche senza ciaspole ma ci si perde tutto il divertimento dei tagli in neve fresca, la possibilità di scendere e risalire per pendii immacolati ed, infine, la variante ancora più bassa che affianca il sentiero "basso" nella parte centrale della ciaspolata.
Giunti all'agriturismo Caricc il panorama si apre alla testata della vallata regalando emozioni ancora maggiori di quelle provate lungo l'avvicinamento!

Ma perchè questa valle è ... "viola"? Si tratta di una voce latina che nel tempo è stata tramandata erroneamente. Era una valle "albiola", cioè bianca per la presenza di neve e ghiacciai, e nei decenni il suo nome si è trasformato in Viola. Peraltro per diverso tempo ci si è chiesti se non dovesse essere il torrente Viola Bormina (o Bormina), anziché l'Adda, ad essere considerato il corso d'acqua principale di tutta la Valtellina!

Clicca per aprire la mappa Kompass, da usare esclusivamente come riferimento. I percorsi invernali differiscono spesso da quelli estivi e vanno adattati alle condizioni oggettive (le mappe Kompass abitualmente indicano in azzurro la traccia invernale).

Cliccando questo link si apre un PDF a cura di Bormio Tourism: PDF
 

E per quando la neve si scioglie.. su www.cicloweb.net trovi tante opportunità per camminare d'estate e pedalare tra sentieri, strade e piste ciclabili.
La Valtellina si raggiunge cliccando questi link (aprono una nuova finestra del tuo browser):
- le più belle pedalate a Bormio e dintorni
- trekking ed escursioni nei dintorni di Bormio
- guide alla Lombardia

Condividi su  -