Itinerario del giorno

Ai piedi del Monviso
Piemonte

Ai piedi del Monviso

al colle Sea delle Tampe osservando il Re di Pietra

IN BREVE
Partenza: Pian Melzè o Pian Regina (1714 mslm)
Arrivo: Colle Sea delle Tampe (2299 mslm)
Difficoltà e pericoli: la salita è adatta a escursionisti con buon allenamento, presenta tratti con elevata pendenza. Verificare prima della partenza le condizioni nivologiche e quelle meteorologiche.

Per tutti gli amanti, appassionati o semplici abituè delle ciaspole l'itinerario proposto è da non perdere, perchè ci porta a distanza ravvicinata, anzi proprio ai piedi, del Re di Pietra il Monviso, insomma questa è la ciaspolata della montagna principe del Piemonte. La gita non presenta particolari difficoltà, ma ha tratti con pendenza elevata e il dislivello complessivo la rende indicata per buoni camminatori; parte da Pian Melzè o Pian Regina (1740 mslm) e segue in parte la sterrata che collegava i vecchi impianti sciistici, ormai dismessi, fino ad arrivare alla nostra metà, al colle Sea delle Tampe (2299 mslm) a pochi metri dalla vetta di Ghincia Pastour (2469 m ).
Durante la salita...

Continua a leggere...

Ultima News

Le espolorazioni di Julius Payer
News

Le espolorazioni di Julius Payer

un prestigioso volume a cura di Grafo Edizioni

Julius Payer
Brenta, Adamello, Ortles – esplorazioni alpinistiche 1864-68
Grafo edizioni

Julius Payer è un nome che, anche agli appassionati di montagna, purtroppo dirà poco salvo che abbiano frequentato la val Genova, in Trentino, o l’altoatesina Solda. Già, perché in val Genova al Payer è dedicato un osservatorio glaciologico che, tristemente, rileva ogni anno l’arretramento dei ghiacciai del gruppo dell’Adamello mentre nelle vallate ai piedi dell’Ortles si trovano hotel a lui dedicati e soprattutto l’omonimo rifugio, posto appena oltre i tremila metri di altitudine, sulla via normale per la vetta dell’Ortles.

Ma insomma chi è Julius Payer?

Di origine boema, nacque a Schonau nel 1841 e morì a Veldes nel 1915. In vita fu un luogotenente dell’esercito austroungarico: combattè, con onore, nelle battaglie di Custoza e Solferino nell’ambito della Seconda Guerra di Indipendenza italiana.  Nel corso di una licenza si dedicò all’esplorazione delle montagne che cingono la val Rendena ad...

Continua a leggere...